Banner ricerca

Palermo search

Frida Kahlo. Una vita per immagini

GAM_Galle d'Arte Moderna Palermo, prorogata fino al 03/03/2024

Prorogata fino al 3 marzo 2024 la mostra Frida Kahlo. Una vita perimmagini in corso nelle sale della Galleria d’Arte Moderna di Palermo,promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Palermo, curatada Vincenzo Sanfo. 

Dopo le precedenti rassegne fotografiche dedicate a Steve Mc Curry,Henry Cartier Bresson, Ferdinando Scianna e Richard Avedon, unnuovo progetto fotografico di Civita Sicilia per la Galleria d’Arte Modernadi Palermo, questa volta con la collaborazione di Rjma Progetti culturalie Diffusione Italia International.

Tutto il percorso espositivo è accompagnato da un’audioguida adisposizione di tutti i visitatori, inclusa nel biglietto.
Il catalogo, curato daVincenzo Sanfo, è edito da Papiro Art.

Frida Kahlo. Una vita per immagini, arriva alla GAM di Palermo dopo la tappa di Riccione, con oltre un centinaio di scatti, per la maggior parte originali, che ricostruiscono e narrano la vita controcorrente della grande artista messicana, alla ricerca delle motivazioni che l’hanno trasformata in un’icona femminile e pop a livello internazionale.

Le fotografie sono state realizzate dal padre Guillermo Kahlo, durante l’infanzia e la giovinezza della figlia, e da alcuni dei più̀ grandi fotografi della sua epoca: Leo Matiz, Imogen Cunninghan, Edward Weston, Lucienne Bloch, Bernard Silberstein, Leo Matiz, Manuel e Lola Álvarez Bravo, Nickolas Muray e altri.

In questo straordinario “album fotografico” si rincorrono le vicende esaltanti, dolorose e appassionate di una vita, ma nondimeno emerge il contesto in cui si è affermata la sua personalità, il Messico del primo Novecento e la rivoluzione che ne ha cambiato volto e storia, fatta di umili campesinos ed eroici protagonisti come Pancho Villa e Emiliano Zapata.

Un’epopea e un mito, quello del Messico rivoluzionario, che forgia, non meno delle vicende biografiche più intime, il carattere ribelle e anticonvenzionale di Frida, figlia di un fotografo professionista di origine tedesca giunto in Messico nel 1891 e rimasto poi in una terra di cui profondamente si innamora, come testimoniano le fotografie - realizzate su incarico del governo austriaco - delle chiese coloniali del paese.

Il mezzo espressivo della pittura diviene il linguaggio prediletto, viscerale e appassionato di un’artista dal carattere indipendente e fiero, che nella pittura si rispecchia e si racconta senza attenuanti, senza ipocrisie. Tutta la sua opera è una forma di autoanalisi, una ricerca di identità̀ e di verità, negli autoritratti come nelle opere che la vedono accanto a Diego Rivera, il pittore e muralista con cui ha condiviso un rapporto intenso e turbolento, o a figure come Leon Trotsky e André Breton.

La mostra si divide in sezioni: La Casa Azul, dedicata alla casa natale di Frida, a Coyoacán, un sobborgo di Città del, dove l’artista visse la maggior parte della vita tra le pareti blu cobalto e oggi sede del museo a lei dedicato; La Rivoluzione Messicana, un focus per immagini sugli eventi che dalla rivolta del 1910 cambiano il volto del paese e che tanta influenza avranno sull’immaginario e sulla sensibilità di Frida Kahlo; Rufino Tamayo e l’arte messicana, incentrata su uno dei pittori e muralisti messicani più significativi del Novecento, che condivide con Frida la medesima cultura figurativa, tra astrazione e surrealismo; Guillermo Kahlo e le chiese messicane, con la campagna fotografica per documentare le chiese barocche del Messico coloniale, commissionata al padre di Frida dal governo austriaco; la sezione Frida in video, infine, raccoglie le poche immagini filmate di Frida Kahlo che ci sono pervenute.

Orari

Dal Oct 21, 2023 al Mar 3, 2024
  • Da lunedì a domenica 09:30-18:30 (ultimo ingresso h 17:30)

Ti potrebbe interessare